ANALISI POST 26^ GIORNATA

Pubblicato da Regnoscommesse il

ANALISI POST 26^ GIORNATA

Giornata 26. Una giornata che racconta come tutte le grandi squadre abbiano pescato dal mazzo “imprevisti” del Monopoli. Partite che parevano dall’esito scontato si sono rivelate grandi trappole per tifosi e Fantallenatori. Abraham 5,5, Vlahovic 5, Lautaro 4,5. I top sono un vero e proprio incubo.

Ma, come al solito, andiamo con ordine. Venerdì sera è subito derby. La Juventus ha bisogno di punti importanti per la corsa Champions (anche se quest’Atalanta non fa più tanta paura) e, per i più ottimisti, per la rincorsa scudetto. Uno scudetto che pare non voler vincere nessuno. Anche i bianco-neri, dopo il pareggio a Bergamo, ottengono un solo punto allo Stadium, contro un Torino che mostra solidità ed è ben disposto in campo. Le brutte notizie sono sicuramente l’ennesimo infortunio di Dybala e un Vlahovic a secco per due partite consecutive. Quelle buone arrivano dalle difese, con un De Ligt in ottima forma e il 7 di Bremer che ormai non fa più notizia. Ma per i granata questo 1-1 porta con sé anche molte speranze. Il Gallo torna a cantare, Brekalo è illuminante come suo solito e Pobega, che pareva ormai fuori dal progetto, ha convinto mister Juric nell’inedito ruolo di trequartista. È quindi un pareggio che per il Torino ha più il sapore di vittoria.

A Genova la squadra di Giampaolo conferma la tesi di essere la formazione da battere tra le mura di casa. La prestazione è perfetta e Falcone si conferma un fattore tra i pali dei blu-cerchiati. Altro clean sheet, altra buona prestazione. Pinamonti non pare in giornata, Zurkowski e Bajrami sprecano. Candreva è il giocatore chiave dei padroni di casa. Per un Caputo che non incide, c’è una Quagliarella che segna. Si può parlare di rinascita? È ancora presto, ma i segnali sono incoraggianti. Come incoraggiante è anche il risultato di questo Sampdoria-Empoli, una vittoria che permette ai liguri di continuare a risalire la china.

Roma e Milan vengono fermate dal pareggio nell’anticipo del Sabato. La prima ormai non stupisce più. Il Verona continua a giocare un bel calcio, mentre la squadra di Mourinho è irriconoscibile. Complici le tante assenze, viene da pensare che lo Special One possa rimanere seduto tranquillamente sulla panchina giallo-rossa più per il nome piuttosto che per meriti. Il reparto difensivo trema ad ogni azione, quello offensivo non crea nulla, con un pareggio agguantato nei minuti finali solo grazie a due giovani, con due reti inutili per il Fantacalcio. Tra i giallo-blu, Barak e Caprari si contendono per l’ennesima volta il titolo di uomo-copertina della formazione di Tudor. E anche Tameze stupisce. Strapotere fisico e freddezza sotto porta lo rendono un giocatore sempre più appetibile, con continui inserimenti pericolosi nel corso dei 90 minuti. Così, i centrocampisti pagati pochi spicci all’asta di Settembre, sovrastano letteralmente grandi nomi come Pellegrini e Oliveira. Sicuramente, nelle prossime apparizioni, la Roma cercherà di invertire il trend negativo, ma dal week-end passato arriva l’ennesima bocciatura. Una bocciatura che merita anche il Milan e che, per la prima volta nel nostro campionato, merita Maignan, il peggior portiere per questa 26^ giornata. Graziato dalla rabona di Bonazzoli, si mostra insicuro sia con i piedi sia sulle palle alte. Una serata no la possono avere tutti. Ma in generale, la prestazione rosso-nera è sciapa, con il fattore Nicola sulla panchina della Salernitana che ha portato ai suoi un punto piuttosto impronosticabile. Al fantacalcio, Messias si conferma un buon terzo slot, quasi tendente al secondo, soprattutto perché molto più incisivo rispetto a Saelemaekers. Diaz continua a deludere e anche Leao non incide. Anche se, come dice Pioli, “fosse entrata quella rovesciata, staremmo parlando di tutt’altra storia”.

Fiorentina-Atalanta è il sipario d’apertura delle partite domenicali. Se il match si fosse giocato un paio di mesi fa, sarebbe stato sicuramente tra i più belli e avvincenti del campionato. Invece il risultato è un 1-0 che rivela i tanti problemi della fase offensiva della squadra di Gasperini. Fino allo scorso anno, nella seconda parte di campionato, i giocatori bergamaschi sono sicuramente stati i più incisivi al fantacalcio, con tanti gol, bonus e buoni voti portati ogni partita. Ma senza Zapata e Muriel l’Atalanta è costretta a giocare con un Boga che deve ancora entrare negli schemi della squadra e lo sta facendo in un ruolo non suo. Tanto pessimismo quindi in casa Dea, a cui si contrappone il ragionevole ottimismo dei padroni di casa, ai quali il dopo-Vlahovic non fa così paura. La punta titolare non si chiama però Cabral, come tutti pensavano, ma Piatek, una possibile sorpresa da qui alla fine della stagione.

Alle 15, come ormai ci ha abituati campionato e la televisione, la partita è solo una. Si tratta della sfida salvezza tra Venezia e Genoa. Una partita non priva di occasioni, ma nella quale nessuna delle due squadre riesce a portarsi a casa il risultato. L’ennesimo pareggio della 26^ giornata e l’ennesimo pareggio di Blessin da quando è alla guida del grifone. La salvezza per i rosso-blu pare ormai un sogno difficilmente realizzabile, con un apporto tendente allo 0 da parte dei giocatori arrivati dal mercato. Amiri è ancora un oggetto misterioso, anche Piccoli è assente. Con continui problemi fisici, la compagine ligure faticherà ad andare lontano. Dall’altra parte, il Venezia gioca bene come suo solito. Il problema è rappresentato però da punti che non arrivano, con un’espressione di bel calcio che non si trasforma in vittorie.

Vittorie che non conseguono Inter, Lazio e Napoli. Il Sassuolo gioca una partita sontuosa sul campo di San Siro. Tutto il poker di attaccanti va a bonus, con prestazioni incredibili di Berardi e Traorè. Raspadori sfrutta all’ottavo minuto l’incertezza di Handanovic, Scamacca quella dell’intero reparto difensivo di Inzaghi. Si vede un Inter stanca, sia sul piano fisico, sia su quello mentale. Preoccupa molto il periodo di forma di Lautaro, autore di un clamoroso errore sottoporta. Un errore sottoporta commesso anche da Makengo al 18’ minuto, che poteva portare il risultato di Udinese-Lazio sul 2-0 dopo una manciata di giri d’orologio. Deulofeu incanta, Felipe Anderson risponde ed è il migliore dei suoi. La partita mostra le lacune della Lazio in fase offensiva con l’assenza di Immobile. E il match finisce 1-1 più per meriti di una grande Udinese piuttosto che per demeriti della squadra di Sarri, sulla cui prestazione hanno pesato le molteplici assenze. Assenze pesanti anche per lo stesso Napoli. Gli esterni sono tutti out ed un Osimhen non in splendida forma è costretto alla panchina iniziale. Un imponente Lovato frena l’entusiasmo sia di Petagna che di Mertens. Ospina compie parate e miracoli, ma si fa beffare sul gol dell’1-0, in una giornata colma anche di errori degli estremi difensori. Pereiro si dimostra cinico e lucido sottoporta, affermandosi come vero trascinatore di questo Cagliari nelle ultime giornate. Il numero 9 di Spalletti entra e salva il suo Napoli dalla figuraccia, in una partita comunque in linea con quelle del Week end. Un week end storto per le “7 sorelle”, che siamo sicuri rappresenterà un caso isolato.

Alle 20.45 di lunedì si gioca il match che sposta gli equilibri di giornata. E a farlo ci pensa Arnautovic, riportando alla vittoria il suo Bologna contro un avversario ostico come lo Spezia. Una doppietta che pesa come un macigno, in una giornata nella quale al fantacalcio lo 0-0 sembra essere all’ordine del giorno. Tra i rosso-blu le buone notizie arrivano anche da Orsolini, la cui prova è magistrale e a mio parere il 6,5 gli sta stretto. Nello Spezia, Manaj si è ormai preso il posto da inamovibile titolare, mentre la difesa è un disastro. Le due grandi delusioni? Un Theate in fase calante e un Maggiore dal quale i Fantallenatori cominciano ad aspettarsi di più

Scopri le analisi di tutte le partite giocate. Rendimento dei giocatori, statistiche, commenti e voti, tutto a portata di un click.
Quali sono i migliori giocatori da schierare per la prossima giornata? Leggi qui i nostri consigli.
Il Fantacalcio è uno stile di vita e spesso i weekend sono segnati da questo gioco. Leggi le Fantastorie più assurde che sono state scritte dai Fantallenatori.

ANALISI POST GIORNATA

3332079-68121848-2560-1440
ANALISI POST 30^ GIORNATA Bonus e Malus sono stati all’ordine del giorno. O meglio, all’ordine della 30^ giornata. Tante le doppiette, a cui rispondono espulsioni e rigori sbagliati. ⠀  Tutto…
szczesny.esulta.juve.1400×840
ANALISI POST 29^ GIORNATA 29^ giornata. Turno da 0-0 di Blessin. I bonus sono stati pochi, con soli 20 gol all’attivo, di cui la maggior parte arriva dalle partite del…
lautaro-crisi
ANALISI POST 28^ GIORNATA Si è conclusa la 28^ giornata. Una giornata nella quale finalmente sono assenti le partite del Lunedì sera e in cui i top-player sono tornati a…

SEGUICI SU INSTAGRAM

Visita la nostra pagina per rimanere costantemente aggiornato.