UNA FINALE CHE RIMARRÀ NELLA STORIA!

Pubblicato da Regnoscommesse il

UNA FINALE CHE RIMARRÀ NELLA STORIA!

Un mondiale che rimarrà nella storia. Sono tante le critiche che possono essere rivolte alla competizione appena conclusa, tra etica e violazione di importantissimi diritti civili. Si può dire che è un calcio che guarda solo al soldo, privo di valori. Sono molte le considerazioni che si possono fare e con le quali ci troviamo d’accordo. Ma dal punto di vista del campo è stato uno spettacolo. Nelle fasi finali si sono esibite squadre che hanno emozionato, in partite da mozzare il fiato. I giocatori hanno mostrato giocate sensazionali, dato che, interrompendo i campionati a metà stagione, si sono presentati in campo nel pieno della forma fisica, con un ritmo ben diverso da quello di un normale mondiale estivo. Tutto questo è riassunto nella finale, che chiude il cerchio con match perfetto. Un vero e proprio climax ascendente, dato che, più passano i minuti, più lo spettacolo aumenta. Una serata indimenticabile per gli amanti del calcio, più di 120 minuti di pura adrenalina, un tempo trascorso troppo in fretta per una partita che si sperava non finisse mai.

È stata la serata di Emiliano Martinez, il miglior portiere della competizione, che all’ultimo secondo compie una parata incredibile sull’ultima grande occasione francese. Glaciale nel parare i rigori tanto quanto irrazionale durante la premiazione, con un gesto che, da simbolo di questa nazionale, poteva anche evitare. È stata la serata di Di Maria, che finalmente ha dato vita ad una prestazione degna del suo nome. È stata la serata di De Paul, MacAllister e Fernandez, che per settanta minuti hanno dominato la linea mediana. È stata la serata di due grandi ct come Scaloni e Deschamps. Infatti, se il primo ha preparato in modo perfetto il match, il secondo è riuscito a leggere meglio la partita a gara in corso, con cambi che, dal primo all’ultimo, hanno avuto un ottimo impatto sul flusso del gioco. Ma, in particolare, è stata la serata di quelli che, in questo momento, sono i due migliori giocatori presenti su tutto il pianeta. In molti dicono che sia stata Argentina-Francia a dare vita a questo spettacolo, per noi è stato Messi-Mbappè. Una sfida che ci ha ricordato una partita di Holly e Benji, quando Mark Lenders affrontava Holly Hutton, in episodi nei quali facevano tutto loro. Nonostante la banale similitudine, questo è quello che davvero è successo sul campo domenica 18 Dicembre. Messi apre le danze su calcio di rigore, guidando la sua Argentina in un dominio totale del campo per tutta la prima frazione e buona parte della seconda. Ma proprio quando tutto sembrava pendere a favore dei sudamericani, che già pregustavano la vittoria del mondiale, si accende l’altro numero 10, il giocatore che rappresenta il futuro del calcio giocato almeno per i prossimi dieci anni. Mbappè, infatti, proprio come il suo rivale, sblocca il punteggio francese grazie ad un perfetto calcio di rigore, il primo dei tre che sarà costretto a calciare in questa serata. Gli bastano poi un paio di minuti per mettere a segno la doppietta personale, con un bellissimo gol al volo che riporta all’ottantunesimo il risultato in parità. Ed è proprio quando la Francia sembra avere in mano la partita che si torna ad accendere il numero 10 argentino. Un susseguirsi di emozioni, con continui ribaltamenti di fronte, che in un modo o nell’altro vedono sempre protagonisti Messi e Mbappè, con due nazioni letteralmente caricate sulle spalle. 2 reti per il primo, 3 per il secondo che è destinato a vincere la classifica cannonieri della competizione. La lotteria dei rigori penderà poi dalla parte dell’Argentina, anche perché, come negli ultimi europei nei quali la Francia uscì ai rigori contro la Svizzera, la squadra di Deschamps non si è dimostrata fredda dagli undici metri. Vince l’Albiceleste, vince Messi. Il lieto fine perfetto per chi in questi anni ci ha deliziato con giocate sensazionali. Un Messi diverso dal solito, che, oltre ad essere riuscito ad incidere con la maglia della nazionale, ha vestito i panni di vero leader in mezzo al campo. 7 gol realizzati, 3 assist al bacio con la palla solamente da spingere in porta. Tutto in sole 7 apparizioni. Maradona dall’alto, mentre esulta, ha dato la sua benedizione: per quello che ha vinto e per come lo ha fatto, Messi oggi si conferma come più forte calciatore della storia.

 

⠀ 

 

 

⠀ 

REGNOSCOMMESSE NON E’ SOLO QUESTO!

Ti proponiamo le MIGLIORI GIOCATE e i MIGLIORI BONUS su cui puntare per non perderti nessuna occasione!

REGNOSCOMMESE racconta calcio a 360 gradi, senza limiti, il CALCIO VERO, non quello che leggi sui Media.

⠀ 

RESTA SEMPRE COLLEGATO, UNISCITI A NOI!

Telegram: Regnoscommesse

Sito web: www.regnoscommesse.it

l'Analisi dei Big Match della settimana
Vieni a scoprire nel dettaglio le diverse tipologie di bonus benvenuto

I NOSTRI ULTIMI ARTICOLI SPORTIVI

Img35987013-1
IL CITY ENTRA NELLA STORIA, VINCE LA CHAMPIONS E REALIZZA IL TRIPLETE Il Manchester City ha giocato un’ottima stagione, grazie soprattutto all’allenatore Pep Guardiola che ha guidato la squadra con…
NEWS REGNOSCOMMESSE (3)
L’ADDIO DI ZLATAN IBRAHIMOVIC E PAOLO MALDINI, PILASTRI DELLA RINASCITA DEL MILAN Il calcio italiano e, in particolare, il Milan, hanno recentemente detto addio a due figure di grande spicco:…
NEWS REGNOSCOMMESSE (1)
ROMA SCONFITTA AI RIGORI, IL SIVIGLIA VINCE LA FINALE DI EUROPA LEAGUE 2023 La finale dell’Europa League del 2023 ha visto il match tra la Roma e il Siviglia, con…

SEGUICI SU INSTAGRAM

Resta sempre aggiornato sui nostri contenuti e divertiti con noi.